Museo del colore - Castello di Magliano Alfieri (CN), Piemonte

Museo del colore

Concept

Il museo del colore nasce dall'idea di far vivere al pubblico qualcosa di semplice ma pieno di magia.

Il colore è un elemento che ci circonda costantemente in ogni momento della nostra vita.

Ma come funziona davvero? come si mostra a noi? e che valenza ha nella nostra cultura e nel tempo?

Cosi abbiamo deciso di progettare uno spazio che faccia vivere un'esperienza multisensoriale cromatica.

Parole chiave saranno: semplicità, immediatezza, interazione, gioco, stupore, conoscenza.

Ogni sala: un semplice gioco di emozioni bilanciate nei sensi.

Progetto in collaborazione con Francesco Miceli

Museo del colore

Museo del colore

Museo del colore

La hall è caratterizzata da un "fungo" in metacrilato colorato opaco in basso e trasparente verso l'alto. Esso permette la diffusione della luce naturale nell'ambiente data dalle antiche finestre molto in alto e l'arrivo della corrente al desk centrale, nascondendo inoltre, il movimento dell'impianto elettrico.

Gli elementi d'arredo del book-shop giocano su geometrie poligonali irregolari e volumetriche, cosi come il "fungo". Sono costituiti da una struttura in multistrato da 18mm e una finitura in laminato metallico lavorato a pressione sempre con fantasie poligonali irregolari.


Museo del colore

Museo del colore

Tunnel è sito nel corridoio, ed è la prima zona a cui si accede dopo aver preso il biglietto nella hall. Una serie di portali in policarbonato colorato con gelatine sono posizionati nel percorso di accoglienza al museo; il fruitore passando all'interno dei portali, di volta in volta vedrà il proprio corpo colorarsi interamente. Un processo semplice di interazione con il corpo, in un'azione comune come il camminare, diviene traino per l'approccio al mondo del colore, giocando con la varietà emozionale di questo mondo. Nelle pareti sono presenti una serie di tubi a led, posti dietro tende tecniche bianche che fungono da diffusori della luce.


Museo del colore

Museo del colore

Una piccola sala dedicata alla teoria del colore e della luce. Al centro è presente un retroproiezione che renderà semplice, intuitiva e divertente la comprensione delle basi scientifiche.


Museo del colore

Museo del colore

Wood √® una sala dove dietro la parete con ‚Äúfinestre‚ÄĚ a taglio obliquo si potr√† ammirare uno spettacolo di figure che si muovono nello spazio in modo illogico o innaturale. Tale effetto √® realizzato con un macchinario che con dei bracci meccanici fa muovere delle sagome dipinte con vernice visibile solo alla luce ultravioletta (o luci di wood).

Museo del colore

Museo del colore

La sala delle vasche (micro mondi) è costituita da tre vasche alle quali abbiamo accoppiato un colore ad una sensazione.

Il blu ha assonanza mentale all'acqua; appena si inserisce la mano nella vasca, un sensore fa scattare un nebulizzatore d'acqua, oltre che colorare il braccio di blu.

Il rosso ha assonanza con il fuoco, appena si inserisce la mano nella vasca si sentirà calore che viene irradiato da una lampada ad infrarossi nascosta all'interno, oltre che colorare il braccio di rosso.

Il giallo ha assonanza l'elettricità, cosi al suo interno troveremo delle porzioni di sfere al plasma dove il fruitore potrà "toccare" cosi sia il colore che l'energia, oltre che colorare il braccio di giallo.

La scenografia è stata realizzata inserendo insieme alle vasche in acciaio dei led wall o installazioni con materiali tematici, cosi che anche l'occhio partecipi e coordini all'accoppiamento sensoriale.


Museo del colore

Museo del colore

Tris è un'ambiente dove grazie all'interazione della luce a colori primari emessa da tubi led che si accendono e spengono di continuo, creano combinazioni di colore trasformando lo spazio. Vedremo colorare l'ambiente di colori che non sono emessi dalle fonti luminose ma bensì dovuti dalle combinazioni di essi.

Il ragionamento si basa sulla teoria additiva della luce e prende spunto dalle opere dell'artista Dan Flavin (come in Villa Panza a Varese, IT)


Museo del colore

Museo del colore

Spazio sfrutta la caratteristica cilindrica della torre, dove grazie all'inserimento sulle pareti di specchi e a due stampe, a pavimento e a tetto, si ottiene un effetto caleidoscopio di proporzioni umane.


Museo del colore

Museo del colore

Questa sala, con accesso tramite un disimpegno, ha al suo centro un bottone, che una volta azionato, scatenerà una reazione nell'ambiente: in pochi secondi, la sala verrà irradiata di colori sempre diversi, con contrasti netti e cambianti repentini.


Museo del colore

Museo del colore

La sala del cielo è costituita da una retroproiezione su tessuto non tessuto del firmamento.

Essa è temporizzata con le ore del giorno, cosi che i suoi colori cambino dall'alba al tramonto.

Inoltre quando il fruitore "toccherà il cielo", grazie ad un sensore di movimento posto alle spalle del telo, un software genererà e proietterà delle sfumature di bianco, ovvero nuvole.

L'effetto è che il fruitore potrà toccare con mano il cielo e generare le nuvole.

Utilizziamo il cielo, l'elemento che più cambia repentinamente e ci emoziona appunto per la sua cangianza come una grande tela su cui dipingere con le nostre mani.



Museo del colore

Museo del colore

La sala delle curiosità è costituita da una serie di totem che spiegano le origini e la produzione dei colori, sia in epoche antiche che contemporanea. Nella parte bassa è presente una teca dove vedremo i minerali, vegetali o animali dove venivano estratti in precedenza i pigmenti colorati. Inoltre sono presenti dei talloncini colorati con il codice pantone e RAL, cosi che il fruitore possa portarsi a casa dei colori che gli sono interessati e potrà avere un riferimento concreto per colorare gli ambienti.


Museo del colore

Museo del colore

La stanza del relax è caratterizzata da un controsoffitto a lastre plastiche colorate molto sottili e dunque leggere messe in sospensione. Esso ha un'altezza minima, al centro della stanza di 110cm, per poi alzarsi sempre di più mentre si avvicina alle pareti.

I mobili presenti nell'ambiente svolgono sia la funzione di seduta che di libreria.

Sono caratterizzati da una struttura portante in ferro rivestita da gomma morbida per rendere comoda la seduta e sicuro l'ambiente per i più piccoli.

La forma del mobile permette di sedersi, sdraiarsi o ancora stare in molteplici posizioni mentre ci si rilassa.


Museo del colore

Museo del colore

Museo del colore

Museo del colore

Museo del colore

Museo del colore






© Copyrights contenuti: Renato Belluccia © Copyrights sviluppo: SB engine ICT Consulting